dolori muscolari gambe rimedi torcicollo persistente

PLATANOS: Destaca su contenido en vitamina B6 (578 mg); contiene además cantidades significativas de vitamina C (9,10 mg); B1 (0,045 mg); B2 (0,100 mg); B6 (0,578 mg); Vitamina A (8,00 mcg) y E (0,270 mg), así como folatos (19,1 mcg). El plátano es también bastante rico en minerales, entre los que destacan el Potasio (396 mg), el Magnesio (29,0 mg) y el Hierro (0,310 mg), por ello se le puede considerar un buen remineralizante. Además el plátano contiene pequeñas cantidades de Serotonina, esta sustancia realiza numerosas funciones en el sistema nervioso, como la inhibición de las sensaciones dolorosas en la médula espinal y la sedación nerviosa. Pero quizás lo más importante en el tema que nos ocupa sea que provoca una alcalinización de la sangre, que además de contribuir a neutralizar el exceso de ácido úrico, nos ayuda a no eliminar el calcio por la orina.

MELOCOTON: Puede decirse que contiene la fórmula casi perfecta, rica en vitamina A (54,0 mcg); C (6,60 mg) y E (0,700 mg) que son los mejores antioxidantes de la naturaleza. Contiene además dosis significativas de vitaminas B1 (0,017 mg); B2 (0,041 mg); Niacina (1,02 mg); B6 (0,018 mg) y Folatos (3,40 mcg). Rico en Potasio (197 mg); Magnesio (7,00 mg); Calcio (5,00 mg) y Fósforo (12,0 mg), siendo además baja en sodio (1,00 mg). Es además la fruta ideal para mantener el peso corporal, porque crea una sensación de plenitud en el estómago, reduciendo así el apetito. Esta fruta se hace muy recomendable ya que la persona aquejada debe controlar su peso.

ALBARICOQUE: Contiene 14 mg/100g de calcio, pero su factor más importante es que posee un efecto alcalinizante de la sangre, lo cual contribuye a que perdamos menos calcio en la orina. Tiene un contenido muy rico en Potasio (296 mg) y muy bajo en Sodio (1,00 mg), lo que nos ayuda a no retener líquidos. Sin embargo el componente más notable es la provitamina A (261 mcg) que ejerce un poder antioxidante en el organismo. Además posee vitamina B1 (0,030 mg); B2 (0,040 mg); B6 (0,054 mg); C (10,0 mg); E (0,890 mg); Calcio (14,0 mg); Fósforo (19,0 mg); Magnesio (8,00 mg); Folatos (8,60 mcg); Hierro (0,540 mg) y Zinc (0,260 mg)

LEGUMBRES: Todas las legumbres producen ácido úrico, pero este no supone ningún riego para la salud, especialmente si se lleva una alimentación rica en vegetales que alcalinizan la orina y facilitan su eliminación. Por otra parte el consumo de legumbres estan recomendadas por su alto contenido en fibra y elementos fitoquímicos que actúan como antioxidantes y antidegenerativos. Además aportan vitaminas y minerales esenciales en el tratamiento de enfermedades degenerativas como la artrosis o la artritis.

GARBANZOS: El garbanzo es un alimento casi completo, cuya proporción de nutrientes es bastante equilibrada; por lo cual puede perfectamente constituir un plato principal de la comida, por lo que podríamos considerarlos como un buen remineralizante. Su riqueza en fibra de suave acción laxante facilita el transito intestinal favoreciendo la eliminación de sustancias tóxicas por las heces. Posee las siguientes vitaminas y minerales: Vitamina A (7,00 mcg); B1 (0,477 mg); B2 (0,212 mg); B6 (0,535 mg); C (4,00 mg); E (0,820 mg); Niacina (4,62 mg); Folatos (557 mcg); Calcio (105 mg); Fósforo (366 mg); Magnesio (115 mg); Hierro (6,24 mg); Zinc (3,43 mg) y sobre todo Potasio (875 mg). El conjunto completo hace de los garbanzos una comida más que recomendable en estos casos.

JUDIAS: Las judías secas son uno de los alimentos más ricos en Triptófano (277 mg/100 g. Estos 277 mg de Triptófano se transforman en 4,62 mg adicionales de niacina que sumados a los 0,479 mg ya preformados, suponen un total de 5,1 mg/100 g de niacina. Recordemos que la niacina o vitamina B3 interviene activamente facilitando muchas reacciones químicas en las células. El triptófano ayuda a nuestro organismo a inhibir el dolor. Además de ser muy ricas en ácido Pantoténico indispensable para el metabolismo de las grasas y los hidratos de carbono, contiene cantidades significativas de vitamina B1 (0,437 mg); B2 (0,146 mg); B6 (0,318 mg); Folatos (388 mcg); Vitamina E (0,530 mg); Calcio (240 mg); Fósforo (301 mg); Magnesio (190 mg); Hierro (10,4 mg); Potasio (1795 mg); y Zinc (3,67 mg). Por otra parte su riqueza en fibra vegetal (15,2% por cada 100 g) le confieren propiedades laxantes, lo cual es importante en estos casos debido a que facilita la eliminación de elementos tóxicos por las heces. El conjunto de todo ello hace de las judías un alimento excelente para esta enfermedad.

LENTEJAS: Un plato de lentejas satisface en buena parte las necesidades diarias de varios nutrientes por lo que podríamos considerarlas como una buen remineralizante para nuestro organismo. Además contiene los siguientes elementos: Vitamina A (4,00 mcg); B1 (0,475 mg); B2 (0,245 mg); B6 (0,535 mg); C (6,20 mg); E (0,330 mg); Niacina (6,80 mg); Folatos (433 mcg); Calcio (51,0 mg); Fósforo (454 mg); Magnesio (107 mg); Hierro (9,02 mg); Zinc (3,61 mg) y sobre todo Potasio (905 mg); Su gran riqueza en fibra nos facilita el transito intestinal. Uno de sus componentes, el cobre, del cual posee el 57% actúa en tres direcciones: incrementando la eficacia de la vitamina C, es un antiinflamatorio y un antidegenerativo y por último participa en la formación y mantenimiento de los huesos. Todo ello hace de las lentejas un plato ideal en el tema que nos ocupa.

SEMILLAS DE GIRASOL: Es uno de los alimentos más ricos en vitamina E (50,3 mg) antioxidante y vitaminas A (5,00 mcg); B1 (2,29 mg); B2 (0,250 mg); B6 (0,770 mg); C (1,40 mg); Calcio (116 mg); Fósforo (705 mg); Magnesio (354 mg); Hierro (6,77 mg); Potasio (689 mg) y Zinc (5,06 mg) Su excelente combinación y sus importantes cantidades en vitaminas y minerales que a la vez que ejercen de remineralizantes de nuestros huesos nos ayudan a liberar del organismo materiales tóxicos mejorando con ello la respuesta de nuestro sistema inmunológico y aportando a nuestro cuerpo vitalidad y energía, hacen de las semillas de girasol un alimento a tener muy en cuenta en los casos de enfermedades degenerativas.

Il ginocchio è la più grande articolazione del corpo e avere le ginocchia sane è assolutamente necessario per svolgere tutte le comuni attività quotidiane.

Il ginocchio è costituito dall'estremità inferiore della coscia (femore), dall'estremità superiore della gamba (tibia), e dalla rotula o patella. Le estremità di queste tre ossa nella zona dove si toccano sono coperte con la cartilagine articolare, una tessuto duro e liscio che protegge le ossa e permette loro di muoversi agevolmente.

I menischi si trovano tra il femore e la tibia. Questi cunei a forma di C fungono da "guarnizioni" che ammortizzano i carichi dell'articolazione del ginocchio.

Grandi legamenti tengono il femore e la tibia insieme e forniscono la stabilità. I muscoli lunghi della coscia, poi, danno la forza al ginocchio.

Tutte le restanti superfici del ginocchio sono coperte da un sottile rivestimento chiamato "membrana sinoviale". Questa membrana rilascia un liquido che lubrifica la cartilagine, riducendo l'attrito quasi a zero in un ginocchio sano.

Normalmente, tutti questi componenti lavorano in armonia. Ma una malattia o un infortunio possono interrompere questa armonia, con conseguente dolore, debolezza muscolare, e riduzione della funzione.

Cause.

La causa più comune di dolore al ginocchio cronico e di riduzione della sua funzione è l'artrosi. Anche se ci sono molti tipi di artrosi, quelli che più comunemente causano dolore al ginocchio sono: l'osteartrosi cronica senile, l'artrite reumatoide e l'artrosi post- traumatica.

cause dolori muscolari schiena rimedi

Dieta i Artrosi.

Tenir artrosi no implica realitzar canvis importants a la dieta, que en general ha de ser variada i saludable. Tanmateix, s’han de tenir en compte certs factors. Un d’ells és que l’ excés de pes és un dels principals enemics del pacient artròsic, sobretot per als genolls.

Per això és convenient que les persones amb obesitat o sobrepès procurin perdre quilos, ja que això disminuirà el dolor, millorarà la mobilitat i reduirà la necessitat de prendre medicació.

En l’artrosi els nivells de calci són normals; per tant, les persones amb artrosi no necessiten ingerir suplements. El calci que es pren amb una dieta habitual que con-tingui llet i derivats, com formatge o iogurt, és suficient.

És diferent en el cas de la osteoporosi, una malaltia degenerativa del teixit dels ossos que pot afectar també l’artrosi. En aquests casos, el metge determinarà la necessitat o no de prendre suplements de calci.

D’altra banda, l’ artrosi és més habitual a una edat avançada, igual que d’altres malalties com la hipertensió, la diabetis o l’excés de colesterol, que sí que exigeixen canvis a la dieta. Per tant, si es presenten malalties com aquestes juntament amb l’artrosi, segueixi les indicacions del seu metge.

Text d’Óscar Giménez.

Si tens algun dubte escriu-nos a la secció "El Farmacèutic Respon".

La Dieta Anti Artrosi - Libro.

Il metodo innovativo per la salute delle tue articolazioni.

Grazie al dottor Berrino. Io sono allergica al grano, al latte, uova e patate. Circa il grano ho sostituito con polenta, riso integrale e pasta senza glutine dunque di riso e mais. Purtroppo l'indice glicemico del mais è alto e le farine sono quasi tutte di riso bianco come posso fare per preparare qualche dolce? Grazie.

Scritto da: maria Data: 15 Ottobre 2017 alle 06:59.

Da qualche mese seguo i consigli su cucina cascina Rosa di Milano prof Berrino.Entrare in questo mondo mi ha fatto incominciare a conoscere cose che non sapevo,posso dire che gradualmente ho eliminato quei cibi golosi che oggi non consumo quasi più traendone beneficio sulla mia salute. e perdendo peso senza fare fatica. si può mangiare bene senza mangiare cibo spazzatura.

Scrivi un commento.

Ciascuno di noi è il custode di un cancello che può essere aperto solo dall'interno. Marilyn Ferguson.

Protocol Integratore a Base di Collagene per Artrosi e Patologie Articolari.

Compila il seguente modulo per richiederci informazioni.

Protocol Integratore a Base di Collagene per Artrosi e Patologie Articolari.

artroscopia caviglia storta o

Scritto da: lorenzo Data: 25 Aprile 2015 alle 12:12.

Chiedo un recapito telefonico con il dottore berrino ho un un indirizzo per contattarlo urgente. Grazie.

Scritto da: alessio Data: 28 Aprile 2015 alle 03:16.

La mia idea è che ognuno ha la sua storia e le sue necessità. Ho 26 anni e mangio male nel senso che mi concedo spesso dei bis, bevo alcolici, non disdegno affatto i dolci, non mangio bio ecc.. ecc.. sto benissimo. Sono in forma. Mai un'analisi preoccupante, mai fastidi cronici. C'è chi guarisce dal cancro non mangiando carne e c'è chi come me è fra quelli che corre di piu a calcetto il giovedi. Nonostante questi sgarri a un'alimentazione ottimale non credo di nutrirmi male. Mia sorella mangia decisamente peggio di me. e sta benissimo. Forse tutto sta nel non esagerare e magari ascoltare i medici nutrizionisti veri andando a farsi una visita e non i link di facebook. L'articolo lo trovo interessante proprio perchè moderato ma questo deve servire da stimolo per informarsi, non sul web, e non prendere come verità assoluta qualsiasi cosa si legga che sia affine ai propri pensieri.

Scritto da: amalia rausi Data: 3 Maggio 2015 alle 19:11.

miglior antidolorifico per mal di schiena in inglese differenza

La diagnosi si basa su ecografia, TC e biopsia epatica guidata dall’ecografia. Il rilevamento dell’a-fetoproteina nel sangue conferma la diagnosi: questa proteina, assente nel siero degli adulti sani o vittime di altre malattie epatiche, è presente nei due terzi dei malati di carcinoma epatocellulare. Il rischio di metastasi, di solito polmonari e ossee, è rilevante.

Comporta l’ablazione chirurgica del tumore, quando è praticabile, tramite epatectomia parziale. Sempre più di frequente, nei pazienti con cirrosi non avanzata, si effettua un trapianto di fegato. Nelle forme non operabili, il trattamento si basa sulla chemioterapia generale o locale (iniezione del prodotto direttamente nel tu more con un catetere introdotto nell’arteria epatica) o sulla distru zione del tumore per alcolizzazione (iniezione locale di etanolo a scopo terapeutico), con sonde a radiofrequenza o sonde laser.

Prevenzione e prognosi.

La prevenzione dei tumori primitivi del fegato si basa sulla lotta contro l’alcolismo, sulla vaccinazione precoce contro il virus dell’epatite B e sul trattamento delle epatiti B e C croniche. La diagnosi precoce dei carcinomi epatocellulari conseguenti a una malattia cirrotica può migliorare la prognosi, che attualmente rimane infausta.

Epatocarcinoma o carcinoma epatocellulare.

È il tumore epatico più comune; nel 20% dei casi si sviluppa in un fegato sano, più frequentemente in uno già affetto da cirrosi epatica cronica. Il carcinoma epatocellulare è spesso legato ai virus dell’epatite B e C, alla cirrosi alcolica e, a volte, alla contaminazione degli alimenti, soprattutto da aflatossina.

dolore perineo uomo di altamura

Reset metabolico, come si fa.

Dimagrire, perdere peso, perdere una taglia: sono le parole che ci affliggono ogni volta che ci guardiamo allo specchio e che pensiamo alla nostra immagine. Molte diete propongono regimi alimentari…

La dieta detox da fare prima di Natale.

Si avvicina un periodo dell’anno in cui mantenersi in forma sarà molto difficile. Infatti secondo i dietologi, con i pranzi e le cene di Natale e Capodanno si possono prendere…

Dieta: per dimagrire contano anche gli orari dei pasti.

Dimmi a che ora mangi e ti dirò se puoi dimagrire. Secondo recenti ricerche scientifiche gli orari in cui consumiamo i pasti principali della giornata, a parità di calorie, influenzano…

di AnnaMariaCantarella - 12 settembre 2017.

Dieta volumetrica: come funziona e menu settimanale.

Il fatto che il tuo medico ti abbia prescritto una dieta anticolesterolo non significa che la tua vita alimentare debba diventare un inferno! Certo, la tua ipercolesterolemia ti impone delle restrizioni, ma non dimenticare che è nel lungo periodo che le tue nuove abitudini riveleranno la loro efficacia: segui i nostri consigli per modificare in modo naturale il tuo stile di vita.

Non è un segreto: per ridurre il colesterolo è necessario modificare in parte le tue abitudini alimentari, ma è noto che le diete troppo restrittive vengono abbandonate in breve tempo. Meglio quindi scegliere un’alimentazione anti-colesterolo che possa essere mantenuta nel tempo: senza eccessi né senza frustrazioni, ti permetterà di ridurre del 10-15% la tua colesterolemia.

Individuare i grassi buoni e quelli cattivi.

Per ridurre il colesterolo alto non è tanto sulla quantità dei grassi che bisogna intervenire, quanto piuttosto sulla qualità: ad essere nel centro del mirino sono gli acidi grassi saturi, che fanno aumentare il tasso di colesterolo, soprattutto quello cattivo (LDL) e che si nascondono nella maggior parte dei prodotti di origine animale, come le frattaglie, le carni, il tuorlo d’uovo, il latte intero, ma anche in prodotti industriali come dolci da forno, biscotti e salatini, piatti pronti). Gli acidi grassi mono- e polinsaturi, invece, proteggono le tue arterie: i primi riducono il colesterolo cattivo preservando nel contempo quello buono; i secondi, di cui fanno parte gli Omega 3, fluidificano il sangue, e sono contenuti in frutta secca e semi oleaginosi e nei pesci grassi.

Scegliere le materie grasse giuste.

ernia spinale fibroma uterino

Appena svegli, ma non prima delle 6.00, bevete la terza porzione di Sali di Epsom (se avete molta sete bevete un bicchiere di acqua tiepida prima di assumere il sale).

Rilassatevi, leggete o meditate; se avete sonno tornate a letto, sebbene sia meglio mantenere il corpo in posizione eretta: molte persone si sentono benissimo e preferiscono fare qualche esercizio leggero, come per esempio lo yoga.

Bevete la quarta e ultima porzione di Sali di Epsom.

A quest’ora potete bere la spremuta di frutta appena fatta; mezz’ora dopo potete mangiare uno o due pezzi di frutta fresca; un’ora dopo potete mangiare cibo normale (purché leggero) ed entro sera o la mattina seguente dovreste ritornare alla normalità e iniziare a sentire i primi segni di miglioramento.

Continuate a consumare pasti leggeri durante i giorni seguenti e ricordate: il vostro fegato e la vostra cistifellea hanno subito un importante intervento chirurgico senza effetti collaterali dannosi e senza costi.

N.B.: bevete acqua ogni volta che avete sete, ma non subito dopo aver bevuto i Sali di Epsom e nelle prime due ore successive all’assunzione della miscela oleosa.

I RISULTATI CHE VI POTETE ASPETTARE.