ernia al disco sintomi inizializzare un

Buenos días Ruddy, es preciso que le vea su traumatólogo para poder determinar qué le está produciendo el dolor. La rodilla es una articulación muy compleja en la que pueden suceder diversas lesiones diferentes y todas hay que tratarlas a tiempo para evitar degeneraciones mayores.

Un saludo cordial.

Reyes Rodrigo. Naturopata.

disculpe pero siento un dolor en la articulacion de la rodilla al momento d caminar y hacer ejercicios debes en cuando se presenta este dolor yo practico futbol por lo menos cinco dias ala semana.

Buenos días Patricia, la artrosis no es posible que se haya producido a consecuencia del latigado cervical. Debido a su corta edad, lo más normal es que usted tenga algún componente hereditario; es decir que la haya heredado de algún familiar. Lo que es importante es que comience a tratarla adecuadamente y eso es con una correcta alimentación y ejercicios adecuados, los cuales se los debe poner un traumatólogo. En cuanto a la alimentación, en este enlace podrá descargarse si lo desea 19 páginas PDF sobre nutrición y recomendaciones generales para la artrosis.

Un saludo cordial.

Reyes Rodrigo. Naturopata.

Hola, tengo 28 años, hace tres que soy vegetariana, y hace tres meses sufrí latigazo cervical por accidente de tráfico y a consecuencia del mismo, me hice resonancia magnética en la que mi traumatologo me dijo hace cinco días que tengo principio de artrosis cervical. Siempre he hecho deporte, siempre me he cuidado y soy bastante activa en mi día a día. Ahora de repente,debo reeducarme y aprender a parar. Me pregunto si la artrosis puede venir derivada perfectamente a causa del accidente y como puedo averiguarlo. Y desde ya que debo comer y hacer a parte de estiramientos y tal…a mi corta edad.gracias.

Ma quali sono le medicine che vengono utilizzate per questo scopo? A seconda dei casi i medici prescrivono sia medicine antinfiammatorie, dotate anche di effetti contro il dolore, che medicine puramente antidolorifiche.

Non solo medicinali, occorre una giusta dose di movimento.

Va subito precisato che la terapia del movimento nell'artrosi deve essere prescritta da un medico e nei casi piu' difficili da un medico specialista: fisiatra, reumatologo, ortopedico. Nel caso venga riscontrata una instabilità dell'articolazione si praticherà un rinforzo muscolare coordinato attraverso una chinesiterapia stabilizzante. Se si dovesse riscontrare una limitazione della capacità di movimento lo specialista indicherà una chinesiterapia mobilizzante.

Ozonoterapia: curarsi con particolari bolle d'aria.

La gonartrosi è l’artropatia che interessa l’articolazione del ginocchio, essa può essere secondaria, a precedenti eventi traumatici e/o eventi infiammatori dell'articolazione ma può anche presentarsi come primaria e, solo in un secondo tempo, può verificarsi una deviazione in varismo e valgismo.

Altre cure - Artrosi.

ernia lombare l4 l5 cure

Per Anthony ed Ennio: credo proprio di si. D’altronde l’artrosi non l’hanno certamente i ragazzini. Saluti.

Buona sera,io sono afetta da artrosi erosiva alle mani e polso il medico dice che è abbastanza grave ora questa artrosi e passata alle ginocchia ho problemi di menisco e cartlaggini ho 64 anni e non vivo più dal male non riesco a fare niente Chiedo c’è qualche cura? Spero di avere una risposta la mia vita è invivibile Grazie Carla.

Aspetto una risposta poi faccio un commento.

Salve sig.ra Carla, io le consiglio di rivolgersi al suo medico curante che la indirizzerà verso uno specialista. Le ricordo, come più volte ho fatto nelle risposte, che questo è un sito di informazione, non può e non vuole sostituirsi ai professionisti. Non cerchi soluzioni facili in rete. Posso solo augurarle di risolvere presto e al meglio i suoi problemi. Saluti.

salve mi chiamo MARCO, io ho un conflitto femoro-acetabolare e artrosi bilaterale dell anca, potrebbe eseere una speranza per me considerando ke ho 38 anni e ke pultroppo se va male mi aspetta l intervanto con 2 protesi?

Ciao a tutti, sono Pino da Napoli e sono affetto da Coxartrosi bilaterale con accentuazione a sinistra. Siccome non vorrei arrivare all’artoprotesi a cui mia madre già è stata sottoposta, potrei sapere i tempi delle staminali per questa mia malattia? E’ vero che in altri paesi (mi sembra in una clinica Thailandese) già effettuano terapie con le staminali ed hanno già i risultati sperati? Grazie per la risposta precisa.

salve mi candido ufficialmente per la sperimentazione come posso fare aiuto tra poco non potro più muovere l’anca e non voglio una protesi il mio osso non si tocca grazie in anticipo.

Ho una coxartrosi all’anca destra, che per il momento non mi da grandi problemi, ma il chirurgo insiste nel volermi sottoporre all’intervento di artoprotesi,io vorrei provare con infiltrazioni di acido ialunorico,qualcuno si è sottoposto a questa terapia? e quali sono stati i risultati? Ho inteso alla televisione delle cellule staminali ma non ho capito se ha Roma hanno già fatto questi interventi su pazienti e se è si dove?Grazie.

salve ho una artrosi all’anca dx e vorrei sapere se c’è la possibilità di entrare a far parte della vostra sperimentazione con le staminali ((non vorrei smettere di correre e non vorrei sottopormi ad un intervento di protesi)…. Grazie.

Qual'è l'alimentazione da seguire per prevenire l'osteoporosi? Quali sono gli alimenti utili per contrastarla e qual'è il ruolo di calcio e vitamine? Facciamo chiarezza sul tema fornendo consigli utili da mettere in pratica.

Indice Articolo:

In breve: Il rapporto tra alimentazione e osteoporosi è molto stretto.Se un tempo si riteneva che questa malattia fosse in qualche modo legata all’avanzare dell’età e quindi si dovessero mettere in atto dei rimedi contro l’osteoporosi solo da un certo momento della vita in poi, anche modificando le proprie abitudini alimentari, oggi è dimostrato che essa è legata allo stile di vita ed all’alimentazione che un soggetto ha seguito durante tutto il corso della sua vita, per cui, più che porre in atto dei rimedi per tamponare l’osteoporosi è necessario seguire una strategia preventiva fin da piccoli per fare in modo che la struttura ossea si sviluppi in modo corretto e si mantenga sana dall’infanzia fino alla terza età. L’alimentazione contro l’osteoporosi deve contemplare alimenti che apportano nutrienti benefici per le ossa ovvero calcio, magnesio, vitamina D e vitamine del complesso B. La grande scoperta scientifica degli ultimi anni sono stati gli isoflavoni, contenuti nella soia, i quali aiutano a fissare nelle ossa il calcio assorbito e ne rallentano la perdita, svolgendo una funzione simile a quella degli estrogeni. La dieta consigliata per combattere e curare l’osteoporosi non prevede invece i cibi che aumentano la perdita di calcio da parte dello scheletro. Sono pertanto sconsigliate le diete iperproteiche perchè l’eccesso di proteine favorisce la demineralizzazione dell’osso. Oltre all’alimentazione bisogna migliorare tutto lo stile di vita: fare attività fisica, astenersi dall’alcool e dal fumo e non bere più di 2 caffè al giorno.

Calcio vitamine e minerali: nutrienti per contrastare l'osteoporosi.

La dieta consigliata per combattere l’osteoporosi deve dunque bilanciarsi su due fronti ed essere formulata in modo da:

Assumere quotidianamente cibi contenenti calcio e vitamine D e del complesso B che favoriscono l’assorbimento del calcio. Ridurre l’introduzione di sostanze alimentari e non alimentari che riducono l’assorbimento di calcio a livello intestinale e favoriscono la demineralizzazione dell’osso: sodio, proteine, fibra, alcol, nicotina, caffeina.

L’importanza del calcio.

mal di schiena medicinas en

Eccesso di cibo: il lavoro del fegato è proporzionale all'introito calorico. Le calorie in eccesso si traducono in un superlavoro da parte del fegato, e ad un'aumentata probabilità di incorrere in patologie come la steatosi epatica (fegato grasso). Per evitare l'eccesso di cibo è sufficiente (si fa per dire. ) essere in peso forma. Dunque, i soggetti in sovrappeso preoccupati per il loro fegato dovrebbero innzitutto perdere peso.

Eccesso di alcol: limitare l'assunzione di alcol a 250 ml di vino al giorno o una quantità di altri alcolici equivalente (vedi l'articolo sull'alcol).

Eccesso di cibi grassi: i grassi sono le sostanze più difficili da digerire e da elaborare anche da parte del fegato, bisognerebbe dunque limitarne il consumo. C'è da dire che in una dieta normocalorica, seguita da un soggetto in perfetto peso forma, la quantità di grassi nella dieta è automaticamente regolata dall'impossibilità di assumere calorie in eccesso. Sarebbe opportuno alternare i grassi vegetali (mono e polinsaturi) a quelli animali e soprattutto assumere una quantità adeguata di grassi del pesce (omega 3).

Cotture ad alta temperatura: i grassi cotti ad alta temperatura e/o a lungo (fritti in primis) sono particolarmente difficili da elaborare per il fegato e contengono sostanze tossiche, come l'acroleina, che vanno smaltite dal fegato, intossicandola in misura proporzionale all'assunzione. A rischio anche i cibi bruciacchiati o tostati, soprattutto la carne ala griglia, tossica per lo stomaco oltre che per il fegato (limitare il consumo al massimo a una volta a settimana).

Evitare l'eccesso di medicinali e limitare ulteriormente, o eliminare, l'assunzione di alcol in concomitanza con i medicinali, per evitare di aggiungere al fegato lo stress per smaltire l'alcol a quello per metabolizzare i medicinali.

Questi sono i rimedi veramente efficaci per depurare il fegato, e come si vede sono tutti "in negativo" cioè si tratta di consigli atti all'eliminazione o alla riduzione delle sostanze intossicanti per il fegato. I rimedi che in genere vengono proposti (carciofo, cardo mariano, mirtillo, cavoli, polline, lievito di birra, acerola) hanno una valenza scientifica discutibile e comunque il loro effetto sulla depurazione del fegato, ammesso che esista, è molto inferiore a quelli proposti in precedenza.

Ultimi articoli sezione Dieta.

Meglio il burro o l'olio nella pasta, nei dolci e in generale in cucina? È opportuno sostituire il burro con l'olio? Il burro fa male?

crampi al ginocchio bootsy

- Tecniche corporee manuali (Mezières, ecc.)

- Ionorisonanza Seqex: una tecnica efficace nelle patologie artrosiche croniche e nella prevenzione e cura dell’osteoporosi.

Il seqex è anche la terapia ideale per chi vive lontano da Roma, perché può essere effettuata a casa ed in questo caso basta venire al Centro Medico una sola volta.

L’ampia scelta tra queste tecniche ci consente di individuare, di volta in volta, il protocollo anti-dolore più valido per il caso in questione che può comprendere anche più di una tecnica. Per saperne di più sulle varie tecniche, vi invitiamo a cliccare qui per vedere una video-intervista al Dott. Maurizio Martelli.

Nel caso si desideri avere maggiori informazioni, si può contattare la segreteria del Centro Medico (063201127 – 063240278), specificando che si tratta di una patologia dolorosa.

Dieta artrosi.

Gentile Dottore, vorrei sottoporle il mio problema e, se possibile, avere dei consigli su come procedere con la mia patologia.

crampi alle gambe di notte lights

Infine esiste la così detta artrosi che invece corrisponde ad una degenerazione, ovvero un assottigliamento delle cartilagini con perdita della normale azione antiurto. Può essere secondaria a traumi o deformazione, oppure ad eccessiva usura legata all’età o di tipo famigliare come l’artrosi deformante delle mani.

Scusate se mi sono dilungata ma la confusione in questo campo è molto diffusa. Quello che adesso è importante considerare è che al di là delle patologie specifiche, esistono una serie di quadri poco definiti più o meno lievi di persone con dolori articolari multipli o una precoce artrosi che potremmo definire soggetti con una costituzione reumatica.

Secondo la medicina cinese i dolori articolari sono comunque collegati ad un ristagno di umidità interna, che si localizza proprio nelle articolazioni, con secondaria scarsa circolazione energetica e irrorazione sanguigna, con dolore, gonfiore e rigidità più o meno variabili.

Il concetto di umidità è per quelli che abitano nella bassa Padana un argomento moltro sentito; ebbene questo elemento, che potremmo definire acqua indesiderata, può manifestarsi anche nel corpo ed è una importante causa di patologie.

L’umidità è presente sia con il caldo che con il freddo e questo purtroppo lo sappiamo bene, perchè con l’arrivo dell’estate arriva anche la penosa e mal sopportata afa!

L’umidità porta in basso e pesa e una volta entrata è assai difficile da eliminare. Avete presente un muro umido in casa? Serve un pò di calore ma soprattutto una buona ventilazione locale. Tradotto in modo semplice bisogna far circolare e muovere l’energia e il sangue localmente. Ma serve anche riparare la perdita se esistente ovvero ridurre la formazione di umidità interna.

Esistono erbe e cibi che possono aiutare a far circolare e muovere l’energia, asciugare e drenare l’umidità verso l’esterno, ma in prima istanza è necessario sapere quali sono gli alimenti da evitare. Fra quelli più responsabili di accumulo di umidità troviamo in particolare latticini e formaggi, lo zucchero e gli eccessi di alcuni frutti come gli agrumi o succhi di frutta soprattutto in inverno.

Purtroppo le tendenze attuali sono prevalentemente chirurgiche quindi non si danno consigli alimentari e tanto meno si consigliano terapie alternative ritenendo che solo la chirurgia può rimediare ad un danno fisico ormai consolidato.

In ogni caso raccomando di segnalare urgentemente al ginecologo l’accaduto se ancora non l’avesse fatto.

Buonasera dottore,ho 36 anni e l’ultimo esame del sangue rileva emoglobina 11,9 e ferritina 2,9. Non ho sintomi. Da cosa può dipendere? Grazie.

Salve, probabilmente si tratta di un pò di anemia sideropenica, cioè da carenza di ferro, per cui sottoponga il referto al medico e probabilmente le darà una terapia a base di ferro appunto.

Grazie mille. La ferritina era così bassa che mi ero impaurita.

Buonasera dott. Oggi ho ritirato esami del sangue con i seguenti valori Sideremia 23 Ferritina 46 Globuli rossi 5.72 Emoglobina 9.4 Globuli bianchi 7.82 Mcv 57.9 Ematocrito 33.1 Mch 16.4 Mchc 28.4 Piastrine 389 Premetto che sono affetta da sempre di anemia mediterranea minor.Vorrei sapere se i seguenti risultati sono attribuibili a tale malatta.Inoltre ho anche mestruzioni molto abbondanti Devo preoccuparmi? Vorrei un suo consiglio Grazie.

Valori di riferimento?

Globuli rossi 4.50-5.30 Globuli bianchi 4,00 10,00 Emoglobina 13,0-16.0 Ematocrito 37,0-49,0 Mcv 77,0 – 95,0 Mch 25,0 -35,0 Mchc 32,0-36,0 Sideremia 37- 170 Ferritina 8,0- 252 Questi sono i valoridi riferimento Mi può dire qualcosa al riguardo Grazie.

A parte la sideremia un pò bassa il resto è nella norma, compatibile con il quadro di talassemia minor da cui è affetta.

Grazie tanto è stata gentilissima Ora sono più tranquilla.

artrosi ai piedi rimedi sinusite sintomi

3. Centrifugato di ananas, mele e sedano.

Un centrifugato rinfrescante e depurativo, grazie alle proprietà dell’ananas e del sedano! Mettete nella centrifuga due fette di ananas fresco, due gambi di sedano e una mela. Trovate altri 9 centrifugati depurativi QUI >>

Centrifugato con avocado.

4. Centrifugato di verdure verdi.

Questo centrifugato vi darà energia e vi aiuterà a depurare il vostro organismo: usate un mazzo di spinaci baby, un cetriolo, due gambi di sedano e mezza mela verde. Centrifugate e terminate con l’aggiunta di succo di limone a piacere.

5. Centrifugato di fragole, pesca e anguria.

Il più dolce di tutti i centrifugati: niente zucchero ma i frutti più amati dalle donne! Mettete nella centrifuga circa una decina di fragole, una pesca e una fettina di anguria: potete utilizzare un cucchiaio di succo di lime per renderlo più leggero e dissetante, ma anche senza è davvero delizioso!