ernia del disco cosa fare per il dolore translation french

Scritto da: Antonella zinni Data: 31 Gennaio 2014 alle 00:25.

questo sito mi ha fatto vedere la mail e sicuramente spediro con il nome di Antonella. il gestore è pregato di controllare! Maurizio.

Scritto da: Admin Data: 31 Gennaio 2014 alle 10:10.

Gentile Antonella/Maurizio, potrebbe spiegarsi meglio? Di quale mail sta parlando?

Scritto da: Maurizio Data: 31 Gennaio 2014 alle 14:22.

Quando ho aperto il blog x leggere i commenti, nella sezione "scrivi un commento" c'era gia impostato il nome e la mail di Antonella. La stessa cosa è accaduta ora ma ho usato la mia di mail. Ieri ho scritto due righe x vedere se in effetti spediva con il nome di Antonella. Spero di essere stato chiaro. Maurizio.

L'artrosi, in sostanza, è qualsiasi lesione che comporta danni alla cartilagine all'estremità delle ossa. Quando la cartilagine è lesionata, attualmente non esiste alcun trattamento che può ripristinarla. Così, una lesione alla cartilagine non guarisce.

Mentre la maggior parte delle persone pensa all'artrosi del ginocchio come la fase finale della malattia prima del bisogno di una sostituzione del ginocchio con una protesi, la stragrande maggioranza delle aree localizzate di artrosi al ginocchio che vediamo sono causa di infortuni, quindi questa è chiamata artrosi traumatica. L'artrosi post-traumatica quindi si genera dopo un infortunio al ginocchio. Questo tipo di artrosi può svilupparsi anni dopo una frattura, la lacerazione di un legamento, o la lesione ad un menisco. Molte di queste lesioni si trovano in aree localizzate del ginocchio e possono essere trattate con maggiore semplicità.

Uno degli aspetti più importanti circa il trattamento di un'artrosi localizzata al ginocchio è la sede della lesione. L'osteoartrosi del ginocchio sui condili femorali è molto più facile da trattare rispetto a quella del solco trocleare del femore, a quella della tibia o della rotula. In generale poi, la dimensione della lesione è un fattore importante, le lesioni più piccole si riescono a trattare meglio di quelle più grandi.

Qualsiasi iter per il trattamento potenziale di una tecnica di ricostruzione della cartilagine deve includere una valutazione delle dimensioni della lesione, se vi è una " kiss lesion " che coinvolge la superficie cartilaginea sul lato opposto del difetto, quanta porzione di menisco è sana, una valutazione di qualsiasi instabilità dei legamenti e l'allineamento del ginocchio del paziente. Se il menisco aveva subito una precedente asportazione di una sua parte considerevole, allora c'è una probabilità molto più bassa che la procedura di ricostruzione cartilaginea funzionerà. Questo perchè il menisco ha un importante ruolo come ammortizzatore tra la tibia ed il femore durante il cammino.

Così, per alcuni trattamenti di artrosi localizzata del ginocchio, deve essere eseguito anche un trapianto meniscale concomitante. Inoltre, è importante valutare l'allineamento dell'arto. Se un paziente ha un allineamento dell'arto in varo (all'interno) e la lesione è sulla parte interna del ginocchio, c'è una probabilità molto più bassa che la procedura di sostituzione funzionerà rispetto ad un paziente con normale allineamento o un allineamento in valgo (all'esterno).

Il nostro metodo di trattamento per l'artrosi localizzata al ginocchio comprende la tecnica delle "microfratture"" per le più piccole lesioni, trapianti osteocondrali autologhi e allotrapianti osteoarticolari prelevati da donatore, innesti di tessuto sintetico arricchito con cellule mesenchimali autologhe provenienti dalle microfratture stesso dell'osso del difetto cartilagineo. Dopo aver eseguito procedure di impianto autologo di cartilagine, abbiamo visto però che il tempo di inattività per il paziente, l'aspetto istologico, che è essenzialmente simile alle microfratture, l'alto costo sociale ed il fatto che i pazienti hanno bisogno di molto più tempo per tornare alle attività e quindi i conseguenti limiti sul lavoro, tutto questo ci ha limitato molto le indicazioni nello svolgimento di questa procedura.

Per il paziente è importante avere una valutazione approfondita del suo stato generale di salute, l'età, l'allineamento dell'arto, la quantità di riduzione dello spazio articolare, le dimensioni del difetto, la restante porzione del menisco, se è fumatore ed altri fattori medici, al fine di scegliere il miglior trattamento per la sua sintomatica zona localizzata di artrosi. Con un iter completo e approfondito, le probabilità di avere una migliore e più duratura procedura chirurgica aumenteranno. Quando le condizioni per la ricostruzione cartilaginea non sussistono vuoi per le dimensioni eccessive del danno cartilagineo, per l'età del paziente, per l'allineamento del ginocchio etc. l'artrosi localizzata al ginocchio può essere efficacemente trattata e curata mediante l'impianto di protesi monocompartimentali, mini-impianti protesici che sostituiscono solo la porzione malata del ginocchio (guarda figura in basso). Clicca qui per leggere l'articolo completo sulla Protesi Monocompartimentale di ginocchio.

dolore al basso schiena bifida vibram

Gotta: sintomi, cause e la dieta per prevenirla.

Gli alimenti consigliati sono latte, uova, formaggi, verdure, ortaggi, frutta, pasta e gli altri cereali (fatta eccezione per germe di grano e prodotti integrali). Attenzione a piselli, fagioli, lenticchie, asparagi, spinaci, cavolfiori, funghi, arachidi e prodotti integrali.

The new Firefox.

Fast for good.

Download Firefox — English (US)

Your system may not meet the requirements for Firefox, but you can try one of these versions:

Tipologie di artrosi e forte aumento dei casi in Italia.

I casi di artrosi ginocchio sono in costante aumento in proporzione all’aumento dell’età media della popolazione: si stima che, in Italia, si impiantino ogni anno oltre 170 mila protesi articolari senza contare che gran parte di chi soffre di artrosi ginocchio o anca non decide di fare l’intervento per paura, disinformazione o altri motivi. Ovviamente, il picco massimo di incidenza della gonartrosi riguarda pazienti tra i 70 ed i 79 anni.

Sono tre i principali compartimenti del ginocchio che possono essere colpiti dalla gonartrosi: il femoro-tibiale mediale (zona interna), laterale (esterna) e femoro-rotuleo (tra femore e rotula). Quest’ultimo incide per l’88% dei casi.

L’artrosi ginocchio si sviluppa a causa di fattori meccanici locali o da fattori sistemici, da problematiche degenerative dovute all’età ma anche dall’obesità, da lesioni articolari provocate da attività sportive oppure da alterazioni dell’asse della gamba (ginocchio valgo, varo o flesso).

Dieta per combattere l’artrosi.

E’ possibile combattere il problema dell’artrosi attraverso un certo tipo di regime alimentare, comunemente dieta?

Sicuramente una dieta equilibrata e prevalentemente vegetale può aiutare a limitare i danni. La dieta può agire in modo ottimale sul rapporto plasmatico degli elettroliti tra i quali la componente di maggior rilievo è costituita senz’altro dall’equilibrio di calcio e fosforo. Questi due oligoelementi influiscono sulla salubrità scheletrica generale ed il loro metabolismo è coinvolto sia nella sintesi che nel rimodellamento osseo.

Artrosi ginocchio rimedi farmacologici e non farmacologici.

come risolvere il mal di schiena rimedi naturali

Este artículo es meramente informativo. Consulta siempre con un especialista.

Dieta artrosi.

Tramite analisi delle urine e del sangue è possibile rilevare concentrazioni aumentate di ormoni (ad esempio di cortisolo o di aldosterone) e di altre sostanze (per esempio di potassio). I sintomi del paziente orientano su quali esami effettuare.

La TAC e la risonanza magnetica sono gli accertamenti di diagnostica per immagini di elezione impiegati nella diagnosi delle masse surrenali.

La biopsia consiste nella rimozione chirurgica delle cellule e del tessuto che compongono la lesione per la valutazione al microscopio. Questa procedura può essere eseguita per valutare le cellule che compongono una massa surrenale. L’ esecuzione della biopsia viene solitamente praticata con l’ ausilio dell’ ecografia o della TAC.

Il trattamento del tumore del surrene dipende dallo stadio della malattia alla diagnosi. Le opzioni terapeutiche comprendono la chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia. Il trattamento dei tumori funzionanti consiste solitamente nell’ impiego di farmaci per controllare i sintomi.

I feocromocitomi richiedono prima il trattamento chirurgico (trattamento neoadiuvante) per il controllo dell’ ipertensione, e successivamente l’ impiego di farmaci alfalitici (per esempio, fenossibenzamina, prazosina) seguito dai betabloccanti (per esempio propranololo) e la metiltirosina.

La rimozione chirurgica della ghiandola surrenale (surrenalectomia) è l’ unica opzione di trattamento per le neoplasie maligne del surrene. È importante determinare se prima dell’ intervento il tumore si è diffuso, dal momento che le metastasi ai linfonodi o ad altri organi (per esempio, fegato, polmoni, reni) richiedono spesso un approccio chirurgico più aggressivo. I tumori surrenali di piccole dimensioni possono essere rimossi per via laparoscopica, attraverso piccole incisioni.

Il trattamento coi farmaci chemioterapici è impiegato come trattamento palliativo per il tumore del surrene metastatico o anche dopo la chirurgia per rafforzare i suoi benefici (terapia adiuvante).

La radioterapia impiega i raggi X ad alta energia per distruggere le cellule tumorali. La radioterapia non è utilizzata come trattamento di prima scelta per il tumore del surrene. A volte viene usata come trattamento palliativo per ridurre il dolore in caso di tumore metastatico.

pomata per dolore ginocchio corsa exhaust

El tomar medicamentos para la artritis mientras consume ciertas comidas y bebidas puede afectar la absorción de dichos medicamentos. Algunos fármacos pueden disminuir el apetito y ocasionar malestar estomacal. Otros pueden agotar el cuerpo de nutrientes importantes. Los corticosteroides, recetados frecuentemente para tratar la artritis reumatoide (AR) y otros tipos de artritis inflamatoria, causan pérdida de potasio y retención de sodio. El metotrexato, también empleado para la AR, abate los niveles de folato; por eso los médicos acostumbran prescribirlo junto con un suplemento diario de ácido fólico que además suprime las náuseas. Algunos antiácidos, tomados para reducir la irritación estomacal generada por los fármacos, contienen asimismo altos niveles de sodio, calcio y magnesio. Es fundamental saber esto en caso de que tenga problemas renales, pues podría entorpecer la regulación de estos importantes minerales en el cuerpo. Hable con su doctor o especialista en nutrición sobre los efectos de los fármacos dado su estado nutricional.

¿Qué tal una “ración” de ejercicio?

La actividad física es crucial en los individuos con artritis. Las investigaciones muestran que combinar una dieta nutritiva con ejercicio disminuye el dolor y la inflamación de las rodillas y mejora su funcionalidad. Según las pautas federales, los mayores beneficios de salud se observan con al menos 150 minutos a la semana (o media hora diaria por 5 días) de actividad física moderada a vigorosa. Caminar, nadar, hacer yoga o andar en bicicleta estacionaria diariamente le puede ayudar a obtener la actividad que requiere sin ejercer demasiada tensión en las articulaciones. Consulte con su doctor antes de iniciar un programa de ejercicio.

Terminología empleada en las etiquetas de los alimentos.

El gobierno federal, que regula el etiquetado de alimentos, sienta las bases sobre cómo divulgar el contenido de nutrientes y su efecto en la salud para ayudarle a tomar decisiones informadas.

Sin colesterol: menos de 2 mg de colesterol por ración y 2 gramos o menos de grasa saturada por ración. Alto contenido de fibra: 5 gramos o más de fibra por ración. Sin grasa: menos de 0.5 gramos de grasa por ración, sin la adición de grasa o aceite. Menos grasa: 25% o menos de grasa que el mismo producto con el contenido usual de grasa. Bajo en colesterol: 20 mg o menos de colesterol por ración y 2 gramos o menos de grasa saturada por ración. Bajo en grasa: 3 gramos o menos de grasa por ración. Bajo en sodio (sal): 140 mg o menos por ración. Sin sodio o sin sal: menos de 5 mg de sodio por ración. Sin azúcar: menos de 0.5 gramos de azúcar por ración. Sin gluten: menos de 20 partes por millón (ppm) de gluten. Alto/Rico/Excelente: contiene 20% o más de la ingesta diaria recomendada (IDR). Alta potencia: vitaminas o minerales individuales que están presentes al 100% de la IDR. Integral: granos molidos, intactos, o quebrados, pero que no están refinados.

Los términos "natural" y "orgánico" pueden crear confusión, ya que se podría pensar que dichos productos son más saludables. Según la FDA (Agencia de Fármacos y Alimentos), "saludable" significa que el alimento limita la cantidad de grasa, grasa saturada, colesterol y sodio e incluye cantidades mínimas específicas de vitaminas, minerales u otros nutrientes beneficiosos. Por otro lado, "natural" quiere decir que el producto no contiene ingredientes sintéticos o artificiales y "orgánico" significa que el alimento cumple con los lineamientos dictados por el Departamento de Agricultura de Estados Unidos (USDA). Ni USDA ni FDA establecen que un producto etiquetado como "natural" o producido orgánicamente sea automáticamente más saludable. Lo mejor es hablar con un experto en nutrición para diseñar una dieta sana y balanceada.

Haga la comida más fácilmente.

medicine mal di schiena rimedi torcicollo

Dieta artrosi.

Consejos para mejorar su artrosis.

- Dormir en cama dura y sentarse en sillas de respaldo recto mejor que sillones.

- No mantener mucho tiempo una postura, no estar mucho tiempo de pie quieto.

- Usar el ascensor en vez de las escaleras.

- No forzar las articulaciones, Evitar los movimientos bruscos.

Le cause dell’Artrite e artrosi.

In chiave naturopatica, le cause principali sono gli scarti del metabolismo (acidi), i mirocristalli e le tossine intestinali e carenza acqua locale, carenza di oligoelementi e Vitamine. Per approfondimenti sulle cause, rimando alla lettura di questo articolo.

Le cure tradizionali: antinfiammatori.

Per calmare il dolore, si ricorre soprattutto a farmaci antiinfiammatori, sicuramente efficaci nell’ abbattere i sintomi (non la malattia!) ma non privi di effetti collaterali dannosi per lo stomaco (alcuni sono gastrolesivi) e fegato (che ha lo scopo di detossificare il corpo) La Gelatina Granulare: aminoacidi per le articolazioni La gelatina granulare permette di combattere i sintomi fornendo materiale utile alla rigenerazione delle cartilagini stesse. La gelatina granulare presenta una composizione affine a quella delle cartilagini umane, costituita in prevalenza da sostanze proteiche ricche di prolina e idrossiprolina. Questi sono aminoacidi necessari alla ricostruzione delle cartilagini e dei dischi intervertebrali.

Gli studi sulla Gelatina Granulare.

Esperimenti e studi effettuati da ricercatori tedeschi ed americani hanno dimostrato che: “lngestione quotidiana di 8-10 grammi di gelatina granulare per un periodo prolungato si constata un sensibile miglioramento della situazione articolare che in molti casi si traduce nella ripresa della normale mobilità e nella scomparsa dei dolori” ( Patient im Krankenhaus 1/1985 p.30)

dolori alle ossa rimedi contro

CENTRO NAZIONALE ARTROSI Missione.

Il centro di riabilitazione si occupa del recupero funzionale di tutti i distretti corporei, ma in particolare è specializzato nella riabilitazione dell’arto superiore.

Alimenti antinfiammatori naturali: cibi per una dieta antinfiammatoria.

È possibile contrastare le infiammazioni con la dieta? Esaminiamo caratteristiche e proprietà degli alimenti antinfiammatori naturali e vediamo come inserirli nelle nostra abitudini alimentari per placare stati infiammatori e patologie.

Indice Articolo:

Dolori e infiammazioni sono tra i disturbi fisici accusati più spesso da gran parte delle persone. In questi casi, il ricorso ai farmaci è in genere la via più facile e veloce per risolvere il problema ma esiste un metodo più semplice e soprattutto naturale per combattere e soprattutto prevenire questi disturbi: l’alimentazione! Determinati alimenti, infatti, svolgono la stessa funzione del farmaco di sintesi e proprio per questo sono detti “alimenti antinfiammatori”.

Cosa si intende per dieta antinfiammatoria?

Il termine “dieta” non deve essere inteso in questo caso come un regime alimentare volto alla perdita di peso; la dieta antinfiammatoria, infatti, non si pone come obiettivo il calo ponderale ma l’ esclusione di alcuni alimenti tendenzialmente nocivi e l’introduzione di altri con proprietà benefiche. Va, però, detto che i soggetti che seguono questa alimentazione, in genere apprezzano anche una relativa perdita di peso, dovuta all’eliminazione degli alimenti eliminati maggiormente grassi e ricchi di zuccheri.