infiammazione alla schiena in inglese i quali

Abbiamo a nostra disposizione tanti farmaci. Il farmaco più utilizzato e diffuso in questi casi, nel controllare il dolore lieve e moderato, è il paracetamolo che è un antinfiammatorio non steroideo (FANS) con pochi effetti collaterali e facilmente acquistabile.

Oltre al paracetamolo possiamo usare altri FANS non selettivi, come l’acido acetilsalicilico, il diclofenac, l’ibuprofene ecc. e degli inibitori selettivi della COX2 (ciclo-ossigenasi 2), come il celecoxib.

Non sempre, però, queste medicine risultano efficaci e in questi casi è possibile ricorrere anche all’assunzione dei derivati dell’oppio, come il tramadolo o la codeina. Diffuso e conosciuto è l’uso di FANS in forma di gel, schiume e pomate ad uso dermico, che a differenza dei farmaci assunti per bocca o per via iniettiva, hanno un rischio molto basso di effetti collaterali e sono facilmente applicabili, leniscono l’infiammazione locale e potenziano l’effetto dei farmaci assunti per bocca.

Sappiamo che esistono anche dei farmaci che possono essere iniettati direttamente nell’articolazione artrosica, i cosidetti farmaci topici a uso intra-articolare, come l’acido ialuronico o il cortisone. Ma questi sono indicati solo in alcuni casi e, soprattutto, dopo un’accurata valutazione specialistica.

Parlando di infiltrazioni intra-articolari, dobbiamo ricordare che le infiltrazioni intra-articolari di plasma ricco di piastrine (PRP), proposte di recente, come cura soprattutto dell’artrosi del ginocchio in fase iniziale, hanno a tutt’oggi un ruolo terapeutico poco definito e servono, in tal senso, ancora studi randomizzati di alta qualità.

Oggi, si parla molto anche del ruolo terapeutico degli integratori, come la glucosammina solfato, che trova un largo impiego; la sua assunzione, infatti, sembra utile non solo nell’alleviare il dolore, ma anche nel rallentare la progressione della malattia.

KIWI: Es muy rico en vitaminas antioxidantes. Su alto contenido en potasio y escasez de sodio ayudan a evitar, por ejemplo la acumulación de ácido úrico. Es estimulante de las defensas naturales. Por su alto contenido en vitamina C (98,0 mg) (casi duplica al de la naranja y el limón). También es muy rico en vitamina E (1,12 mg) y contiene cantidades apreciables de vitaminas B6 (0,090 mg), B2 (0,050 mg); Niacina, (0,500 mg); B1 (0,020 mg); A (18,0 mcg) y Folatos (38,0 mcg). Además es muy rico en minerales como Potasio (332 mg), Magnesio (30,0 mg), Hierro (0,410 mg), Fósforo (40,0 mg) y Zinc (0,170 mg) y Cobre.

NARANJAS: Entre los minerales destaca el Potasio (181 mg) y el Calcio (40,0 mg); contiene además cantidades significativas de Hierro (0,100 mg) y Magnesio (10,0 mg. Es rica en vitamina C (53,2 mg) que es ante todo un poderoso antioxidante; además vitamina B1 (0,087 mg); B2 (0,040 mg) y B6 (0,060 mg). Es importante su contenido en Acido fólico (30,3 mcg), que actúa como antioxidante y su presencia es necesaria en la sangre para que las células defensoras (glóbulos blancos o leucocitos) desarrollen su función. Contienen flavonoides dotadas de una potente acción antiinflamatoria, antioxidante y antitumoral. Además aumentan la capacidad de los glóbulos blancos de la sangren para destruir los gérmenes.

POMELO: Rico en flavonoides de propiedades fluidificantes de la sangre, antioxidantes y anticancerígenos. Su bajísimo contenido en sodio y grasa y su elevada proporción de potasio, hace del pomelo la fruta ideal para estimular la producción de orina y así facilitar la eliminación de sustancias de desecho por la misma, la más importante de todas el ácido úrico ya que actúa como un buen diurético. Por lo tanto está muy recomendado en los casos de artritis, reumatismo y gota. Su acción depurativa y desintoxicante del organismo está apoyada por su importante contenido en vitamina C y flavonoides, lo cual favorece la estimulación del sistema inmunitario. Además posee los siguientes elementos: Fibra (1,10 g); Vitamina A (12,0 mcg); B1 (0,036 mg); B2 (0,020 mg); B6 (0,042 mg); C (34,4 mg); E (0,250 mg); Niacina (0,283 mg); Folatos (10,2 mcg); Calcio (12,0 mg); Fósforo (8,00 mg); Magnesio (8,00 mg); Hierro (0,090 mg); Potasio (139 mg); Cinc (0,070 mg)

LITCHI: En el litchi están presentes todas las vitaminas, excepto la provitamina A y la vitamina B12, pero destaca por su contenido en vitamina C. Investigadores de Calcuta, han comprobado que las hojas del litchi poseen efecto antiinflamatorio, analgésico y antipirético. Los frutos contienen los mismos principios activos que las hojas, aunque en menor proporción. Su consumo habitual tiene una acción preventiva e inmunoestimulante. Posee la siguiente composición: Fibra (1,30 g); Vitamina B1 (0,011 mg); B2 (0,065 mg); B6 (0,100 mg); C (71,5 mg); E (0,700 mg); Niacina (0,720 mg); Folatos (14,0 mcg); Calcio (5,00 mg); Fósforo (31,0 mg); Magnesio (10,0 mg); Hierro (0,310 mg); Potasio (171 mg); Cinc (0,070 mg)

FRUTAS acuosas y bien maduras: Que sean siempre de buena calidad, a poder ser crudas a veces y excepcionalmente, un poco cocidas -, sin adición alguna de azúcar.

SANDIA: Recomendada por sus propiedades: Hidratante, remineralizante, alcalinizante diurética y laxante. Contiene provitamina A (37,0 mcg); Vitamina B1 (0,080 mg); B2 (0,020 mg); Niacina (317 mg); Vitamina B6 (0,144 mg); Folatos (2,20 mcg); Vitamina C (9,60 mg); E (0,150 mg); Calcio (8,00 mg); Fósforo (9,00 mg); Magnesio (11,0 mg); Hierro (0,170 mg); Potasio (116 mg) y Zinc (0,070 mg)

FRESAS: Las antocianinas, la vitamina C y los flavonoides presentes en las fresas, actúan como poderosos antioxidantes, gracias a lo cual neutralizan el efecto de los radicales libres. Están prácticamente carentes de grasa y de sodio, y en cambio son ricas en potasio, lo cual hace de las fresas una fruta diurética recomendada en casos de exceso de ácido úrico ya que aumentan la producción de orina facilitando la eliminación del mismo, debido a su efecto alcalinizante. Su consumo, por lo tanto se hace muy apropiado en casos de artritis úrica y de gota. Además posee los siguientes elementos: Fibra (2,30 g); Vitamina A (3,00 mcg); B1 (0,020 mg); B2 (0,066 mg); B6 (0,059 mg); C (56,7 mg); E (0,140 mg); Niacina (0,347 mg); Folatos (17,7 mcg); Calcio (14,0 mg); Fósforo (19,0 mg); Magnesio (10,0 mg); Hierro (0,380 mg); Potasio (166 mg); Cinc (0,130 mg)

CIRUELAS: Es suavemente diurética, depurativa y desintoxicante. Su bajísimo contenido en grasas, proteínas y sodio la hacen muy apropiada en casos de ácido úrico, gota y afecciones degenerativas articulares. Son ricas en vitamina A (32 mcg); C (9,50 mg); E (0,600 mg); Calcio (4,00 mg); Fósforo (10,0 mg). Magnesio (7,00 mg) Hierro (0,100 mg); Potasio (172 mg) y Zinc (0,100 mg)

MELON: Entre sus propiedades cuenta la eliminación de exceso de ácido úrico, manifestado por artritis úrica y gota. Es un excelente alcalinizante, laxante, hidratante, diurético y remineralizante. Contiene las siguientes vitaminas y minerales: Vitamina A (3,00 mcg); B1 (0,060 mg); B2 (0,020 mg); B6 (0,120 mg); C (16,0 mg); E (0,150 mg); Niacina (0,400 mg); Folatos (17,0 mcg); Calcio (5,00 mg); Fósforo (7,00 mg); Magnesio (8,00 mg); Hierro (0,400 mg); Zinc (0,160 mg) y sobre todo Potasio (210 mg)

PERAS: Contiene taninos de efecto absorbente y antiinflamatorio. No contiene sodio y si Potasio (125 mg), de esta forma no retiene líquidos en el organismo. Además ejerce un efecto alcalinizante de la sangre, lo que provoca que no perdamos calcio por la orina, a la vez que consigue una excelente depuración del organismo eliminando sustancias tóxicas. Además contienen Vitamina A (2,00 mcg); B1 (0,020 mg); B2 (0,040 mg); B6 (0,018 mg); C (4,00 mg); E (0,500 mg); Folatos (7,30 mcg); Calcio (11,0 mg); Fósforo (11,0 mg); Magnesio (6,00 mg) y Hierro (0,250 mg)

PLATANOS: Destaca su contenido en vitamina B6 (578 mg); contiene además cantidades significativas de vitamina C (9,10 mg); B1 (0,045 mg); B2 (0,100 mg); B6 (0,578 mg); Vitamina A (8,00 mcg) y E (0,270 mg), así como folatos (19,1 mcg). El plátano es también bastante rico en minerales, entre los que destacan el Potasio (396 mg), el Magnesio (29,0 mg) y el Hierro (0,310 mg), por ello se le puede considerar un buen remineralizante. Además el plátano contiene pequeñas cantidades de Serotonina, esta sustancia realiza numerosas funciones en el sistema nervioso, como la inhibición de las sensaciones dolorosas en la médula espinal y la sedación nerviosa. Pero quizás lo más importante en el tema que nos ocupa sea que provoca una alcalinización de la sangre, que además de contribuir a neutralizar el exceso de ácido úrico, nos ayuda a no eliminar el calcio por la orina.

crampi muscolari magnesio beneficios en

Algosfree.

La dieta anti artrosi. Il nuovo libro del prof. Lanzetta.

La dieta anti artrosi. Il metodo innovativo per la salute delle tue articolazioni (M. LANZETTA) (ed. Giunti Demetra).

La guida pratica che diventerà’ la “bibbia” per chi voglia curarsi anche a tavola! L’artrosi e’ una della malattie degenerative piu’ diffuse al mondo e rappresenta un’ importante causa di invalidità. Spesso viene curata con farmaci antinfiammatori e cortisone, i quali hanno numerose controindicazioni e portano ad effetti collaterali indesiderati, soprattutto se assunti per molto tempo.

A chi soffre di questa malattia e a quanti desiderino mantenere in buona salute le proprie articolazioni mediante un’efficace opera di prevenzione, l’autore offre un’innovativo e moderno programma terapeutico naturale.

Spremi limoni e lime manuale.

Molti sanno che bere un bicchiere di acqua e limone è un ottimo modo per iniziare la giornata, come ho già descritto in un mio precedente articolo che puoi leggere qui: Un bicchiere di acqua calda e … [Leggi Tutto. ] about Spremi limoni e lime manuale.

Aggressività Umana.

Premessa all'articolo Aggressività Umana Sono restio a parlare di certi argomenti, anche a quattrocchi, perché c'è una tendenza a discutere che non porta mai a nulla, anche se gli interlocutori … [Leggi Tutto. ] about Aggressività Umana.

The new Firefox.

Fast for good.

Download Firefox — English (US)

curare mal di schiena rimedi torcicollo

Crepitio. Rumore caratteristico che accompagna i movimenti articolari.

Rigidità dell’articolazione e perdita del movimento articolare. E’ la conseguenza della degradazione delle cartilagini e conseguentemente dei capi ossei che si deformano. In molti casi si possono avere formazione di escrescenze ossee (osteofiti) che compromettono ulteriormente i movimenti articolari. Gli osteofiti e la diminuzione dello spazio articolare danno luogo a tumefazione dell’articolazione e deformità.

Impossibilità di camminare.

Cause e fattori di rischio.

Le cause che scatenano l’artrosi sono per la maggioranza dei casi non note. Solo in poche occasioni è possibile individuare con certezza patologie, traumi o malformazioni che hanno deteriorato le cartilagini che ricoprono le facce articolari delle ossa. Si ipotizza perciò che vi sia una predisposizione codificata nei geni e quindi ereditata che viene scatenata da un insieme di condizioni.

terapia cortisonica ernia discale sintomi

Analogamente, i proteoglicani sono connessi alla fibrille di collagene con il compito di regolare l' eccedente richiamo d’acqua che modificherebbe totalmente le caratteristiche materiali della cartilagine.

Negli individui in buona salute vige un equilibrio fra l’annullamento del vecchio tessuto (mediante la sintesi di enzimi da parte dei condrociti) e la produzione di uno nuovo.

Questo sviluppo si evolve ineluttabilmente, svigorendo senza sosta l’articolazione e procurando, col trascorrere degli anni, deterioramenti insanabili.

Entrambi vanno comunque assunti solo al bisogno (attenzione ai possibili effetti collaterali a stomaco, reni e cuore).

Il medico potrebbe anche consigliare cicli di infiltrazioni (per trasportare i farmaci direttamente nell'articolazione malata) a base di acido ialuronico e corticosteroidi.

L'acido ialuronico aiuta a controllare dolore e infiammazione per alcuni mesi.

mal di schiena centrale thermique wiki

ITER DEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A TRATTAMENTO RADIANTE.

Prima visita e impostazione terapeutica.

Quando un paziente si presenta presso il reparto di radioterapia, il medico radioterapista oncologo, dopo aver preso visione della completa documentazione diagnostico-strumentale del paziente(ad esempio verbale dell’intervento chirurgico, esame istologico, radiografie, TC e/o RMN pre e postoperatorie, scintigrafia ossea etc) e dopo averlo sottoposto ad una visita clinica con raccolta di tutte le informazioni cliniche precedenti, decide circa l’indicazione al trattamento radioterapico; qualora fosse necessario un completamento diagnostico verranno richiesti ulteriori esami clinici e/o strumentali.

Posta indicazione al trattamento radiante, il medico, valuta le varie possibilità tecniche per irradiare al meglio la zona dove ha sede il tumore, definisce la dose totale, studia il frazionamento radiante più indicato e il tipo di radiazione da utilizzare, a seconda delle apparecchiature a disposizione. Il paziente viene quindi informato sulle modalità tecniche della radioterapia, sugli eventuali effetti collaterali precoci e tardivi e quindi inserito nella lista di programmazione in base a una scala di priorità.

Simulazione tradizionale.

Prima di effettuare il trattamento vero e proprio, viene effettuata la simulazione con un apparecchio chiamato Simulatore. Tale macchina funzione come un tubo a raggi X tipico per le radiografie, ma che può “simulare”, cioè riprodurre tutte le posizioni che può assumere un’apparecchiatura radioterapica. Con questa metodica, il radioterapista localizza i punti di ingresso del fascio di radiazione. Il numero di tali punti varia a seconda delle necessità.Al termine della simulazione vengono segnati, sulla cute del paziente, con ago e inchiostro di china, piccoli tatuaggi, corrispondenti solitamente ai punti d’ingresso dei campi di radiazione previsti. Tali tatuaggi sono indelebili nel tempo e possono permettere, insieme alla cartella e al piano di trattamento, di ricostruire in qualsiasi momento la geometria dei campi impiegati e il volume irradiato.

Simulazione con TC.

Al termine della seduta di simulazione il paziente viene sottoposto ad una TC per una ulteriore e quindi più precisa localizzazione della regione da irradiare. Con la TC infatti, si ottengono le informazioni anatomiche del paziente rendendo possibile lo studio delle migliori soluzioni tecniche per poter irradiare la zona del tumore, danneggiando il meno possibile i tessuti sani che inevitabilmente lo circondano.

INSUFFICIENZA CARDIACA:

anche se, rispetto al cane, nel gatto è una patologia poco frequente, qualora si verifichi è buona norma adottare una dieta povera di sodio.

INSUFFICIENZA RENALE:

patologia molto frequente nella specie felina. Per alleggerire il lavoro dei reni, si deve somministrare una dieta con ridotto apporto di proteine, fosforo e sodio.

Gatti troppo ciccioni.

dolore alla schiena parte bassa e gambetta bordeaux

Ministero della Salute.

Artrosi.

In collaborazione con:

Supervisione scientifica: Prof. Sandro Giannini.

Referente scientifico: Dott. Alberto Ruffilli.

L'artrosi è una delle principali cause di dolore cronico e di disabilità, colpisce milioni di persone in tutto il mondo.

L’artrosi è un’alterazione degenerativa di un'articolazione nel suo complesso, caratterizzata da lesioni progressive della cartilagine articolare e dell’osso sottostante, che provoca un grado variabile di limitazione funzionale e ha un impatto negativo sulla qualità di vita.

La cartilagine è un tessuto lucido e levigato che permettere lo scorrimento tra i due capi articolari.

Quando la cartilagine viene usurata, fino a scomparire, le ossa nel movimento articolare fanno frizione una sull’altra e vengono danneggiate. Questo provoca dolore, tumefazioni e rimodellamento delle ossa stesse e dei legamenti articolari.