pomata per dolori alla schiena cause

Reyes Rodrigo. Naturopata.

HOLA,DR.SOY DE ARGENTINA,ESTA DOS SEMANAS NO E PODIDO CAMINAR,FUI A KINIOSIOLO,Y LUEGO EN MIS RADIOGRAFIAS DIAGNOSTICAN,ARTROSIS EN CERVICAL Y COLUMNA,NO PUDO TOMAR MUCHA MEDICACION,E SIDO OPERADA DE BAY PAS GASTRICO,HACE DOS AÑOS,TENGO MUCHO DOLOR,MI DRA. ME MEDICO CON TRAMAL,PARA EL DOLOR Y GLUCOSAMIDA,HOY ME INFORMO GRACIAS….VENGO DE HERENCIA X MI MADRE DE OBESOS,LLEGUE A 212 KILOS HOY PESO 140KG,GRACIAS X SU ATENCION..

Hola tengo 20 años y me gustaría saber que tengo, cuando me muevo escucho como truenan mis huesos de mi cadera y me dicen que es desgaste de cartílago y tengo que ir a que me hagan un radiografía que porque eso es peligroso; quisiera saber que puedo comer para que ya no pase o que puedo tomar. Gracias.

Buenos días Graciela, es importante para usted averiguar el motivo de esos síntomas. Mi consejo es que acuda a su médico para que le realice las pruebas oportunas. Solo de esa forma se le podrá poner un tratamiento adecuado.

Un saludo cordial.

Reyes Rodrigo. Naturopata.

Juan Carlos Becerra.

Hola buenos días hombre lo de jugar al fútbol es normal que se lo hayan prohibido para no forzar la rodilla y para la artrosis le puedo enviar la nutrición recomendada y algunas recomendaciones.

ALIMENTOS QUE DEBEMOS AUMENTAR.

Teniendo en cuenta que se trata de una enfermedad degenerativa producida por el desgaste del cartílago; es decir el tejido que hace de amortiguador al proteger los extremos de los huesos, favoreciendo el movimiento de la articulación; deberíamos comenzar el tratamiento logrando una buena depuración del organismo, para ello utilizaremos de forma diaria caldos depurativos. Estos deberán ser tomados 2 veces al día, el primero en ayunas, y el siguiente a media tarde. Estos aumentarán nuestra producción de orina y por lo tanto facilitaremos la eliminación de sustancias de desecho por la misma.

CALDO DEPURATIVO: En 1 ½ de agua mineral pondremos 2 ó 3 cebollas, 6 u 8 dientes de ajo, una rama de apio y un buen chorro de aceite de oliva. Lo dejaremos cocer hasta que las cebollas estén bien hechas. Acto seguido lo colaremos y pasaremos las cebollas, los ajos y el apio por la licuadora, lo mezclaremos con el caldo de la cocción y estará listo para usar. Como hemos indicado antes tomaremos una taza en ayunas y otra a media tarde.

HOTALIZAS: Su riqueza en provitamina A, en vitamina C y en elementos fitoquímicos de acción antioxidante explica su necesidad.

AJO: Impide el desarrollo de muchos microorganismos. Actúa como antiinflamatorio natural. El efecto se debe a su esencia sulfurada, que se difunde fácilmente por todos los tejidos del organismo. Además equilibra la flora intestinal y estimula las defensas naturales.

CEBOLLA: Posee una acción alcalinizante de la sangre, lo que permite un aumento de la orina facilitando la eliminación de desecho de toxinas y la no-acumulación de ácido úrico. Son muchas sus atribuciones, comenzando por su poder antibiótico, sus propiedades circulatorias por su alto contenido en flavonoides que impiden la formación de coágulos; su capacidad de eliminar los ácidos grasos de la sangre, por ejemplo los triglicéridos. Posee los siguientes elementos: Fibra (1,80 g). Vitamina B1 (0,042 mg). B2 (0,020 mg). B6 (0,116 mg). E (0,130 mg); C (6,40 mg); Niacina (0,431 mg). Folatos (19,0 mcg). Calcio (20,0 mg); Fósforo (33,0 mg); Magnesio (10,0 mg); Hierro (0,220 mg); Potasio (157 mg) y Zinc (0,190 mg)

artrosi alle mani rimedi contro la

Ahora me acaban de decir que tengo artrosis y esto que ponen aquí está muy bien.

Gracias por ilustrarnos. Me puedes decir si consumir café contribuye al dejeneramiento de las articulaciones?. Y si es verdad que de las frutas la más indicada para la artrosis de rodilla es la piña verde? Y de los cereales consumir avena en hojuelas? Att. Meespit.

Hola María Elena, todavía no haya ningún estudio científico que demuestre la relación directa de consumir ciertos alimentos con el deterioro de las articulaciones, como tampoco de la eficacia de algún alimento para reducir la progresión de la artrosis, pero una buena alimentación puede reducir los síntomas de la enfermedad. Hay ciertos grupos de alimentos que son beneficiosos, como la fruta y verdura (ricas en vitamina C), los cereales (ricos en selenio, magnesio y fibra), el pescado azul, los frutos secos o el aceite de oliva (ricos en omega-3 con propiedades antiinflamatorias); mientras que hay otros grupos de alimentos que es mejor evitar, como las grasas, los azúcares, las carnes o los embutidos. Te lo explicamos en este artículo: https://laartrosis.com/2013/10/23/3-grupos-de-alimentos-beneficiosos-para-la-artrosis-y-2-que-hay-que-evitar/ Gracias por tu confianza y un saludo.

Buenas, ayer me descubrieron que tengo artrosis de cadera….. siendo jugador de futbol y mas teniendo dos niños pequeños, senti que se me derrumbó el mundo. Por supuesto lo primero que hice fue empezar a buscar en internet todo lo relativo al tema, claro hay de todo lo dificil es saber que realmente creer. Quizas aqui me puedan orientar un poco mejor en cuanto a dietas y ejercicios.

Hola Luis, sabemos lo difícil que puede resultar estar en esta situación, pero con esfuerzo, paciencia y actitud positiva se puede hacer esta enfermedad un poco más llevadera. En el apartado “Ejercicios y Cuidados” de la parte superior del blog podrás encontrar multitud de consejos y medidas sobre dieta, ejercicios, actividades, entre otras cosas, para convivir con la artrosis y mejorar en calidad de vida. Gracias por tu confianza y ¡ánimo!

Añadir nuevo comentario Cancelar respuesta.

Nuestro objetivo es favorecer una comunicación respetuosa e interesante. Para ello, recomendamos seguir las siguientes “pautas de participación”.

Suscríbete a nuestro boletín.

Recibe informarción detallada sobre últimos tratamientos y consejos.

Artrosi: come prevenire il dolore e le infiammazioni ed evitare le degenerazioni grazie alla Medicina Quantistica.

Borsiti, tendiniti, sindrome del tunnel carpale, fibromialgia, artrosi lombare, cervicale, del ginocchio, dei piedi, come rallentare la distruzione delle cartilagini? La diffusione dell’artrite ha ormai raggiunto le dimensioni di un’epidemia. Circa 80 milioni di persone nel mondo soffrono di infiammazioni e dolori cronici alle articolazioni. Come prevenirne la degenerazione? Le risposte in questo articolo.

Francisco J. Blanco responde que algunos tipos de artrosis y la afectación de algunas articulaciones se puede evitar en ciertos grupos de pacientes. “Por ejemplo, si hemos dicho que la obesidad es un factor de riesgo para sufrir artrosis de rodilla, esta la podremos evitar si conseguimos que las personas no tengan sobrepeso. También se puede evitar la artrosis en la rodilla si se mantiene una musculatura de la pierna fuerte y si se evita realizar de forma muy intensa deportes que sobrecargan la rodilla como el baloncesto o el fútbol”.

En cambio, hay otras artrosis que no se pueden evitar, pero lo que sí se puede es mejorar la calidad de vida o frenar el deterioro de la articulación. Es el caso de las mujeres en la etapa de la menopausia. Según el estudio Mujer menopáusica y artrosis, presentado en el Congreso Nacional de la Asociación Española del Estudio de la Menopausia (AEEM) celebrado en el 2010, “ocho de cada diez mujeres menopáusicas tiene dolores articulares y, de estas, un 61% lo define como intenso o insoportable. De las 1.102 mujeres que participaron en el estudio, el 33,6% estaban diagnosticadas de artrosis. Sin embargo, según los criterios del American College of Rheumatism, era el 59% quienes la padecían. El estudio concluye que la artrosis es una enfermedad infradiagnosticada en la mujer menopáusica que influye negativamente en su calidad de vida”.

Esteban Rodríguez Bueno, ginecólogo y coordinador de la AEEM, explica que después de los 50 años los procesos artrósicos se disparan en la mujer, mientras que en el varón tienen una ascensión más pausada. “Se ha demostrado que una de las causas es la disminución de los niveles de estrógenos debido a la llegada de la menopausia”. Los cambios hormonales forman parte del ciclo de la vida, pero se puede mejorar la calidad de vida “vigilando el peso, evitando los tacones altos, realizando ejercicio moderado y, si es necesario, ayudarse de un bastón”, señala este experto. Estas indicaciones se pueden complementar con las ofrecidas por la Sociedad Española de Reumatología (véase texto adjunto). Y, en cualquier caso, los expertos les podrán indicar en cada situación qué estrategia deben seguir.

Artrite reumatoide: 5 regole per riconoscerla e contrastarla.

L’esperto del Niguarda: “La rigidità articolare al mattino dovrebbe diventare un primo campanello di allarme. Metro e tram gli ostacoli quotidiani più rilevanti”

In Italia sono oltre 300mila i malati di artrite reumatoide, 60 mila solo in Lombardia, 20 milioni nel mondo. Chi ne soffre "vive a due velocità". Pur essendo una delle malattie autoimmuni più diffuse (8 volte, ad esempio, più frequente della sclerosi multipla), è una patologia cronica che, malgrado sia altamente invalidante, spesso viene confusa con altre affezioni. Le cosiddette "bandierine rosse" che gli esperti hanno identificato per una sua diagnosi precoce sono tre: infiammazione a carico delle articolazioni, dolore a livello dei polsi e delle piccole articolazioni delle mani e dei piedi, rigidità al risveglio per più di 30 minuti. Ma l’obiettivo del dottor Oscar Epis, direttore del Centro di Reumatologia del Niguarda (Milano), è più ambizioso: mettere 'Il Paziente al Centro', un’iniziativa sostenuta da Roche per favorire l’informazione sull’artrite reumatoide. Informazione che passa attraverso 5 regole per riconoscerla e contrastarla, secondo quanto stilato in occasione del convegno.

1) LA DIAGNOSI: è assodato che la diagnosi e il trattamento precoce dell’artrite reumatoide sono condizioni essenziali per indurne la remissione, evitare disabilità permanenti e ridurre la mortalità cardiovascolare. Un ritardo di pochi mesi nell’inizio del trattamento può avere pesanti ripercussioni sulla qualità di vita. Gli studi clinici hanno dimostrato che nei pazienti trattati precocemente si assiste a una significativa riduzione della progressione dei segni radiografici e che in più del 50% dei casi si può raggiungere una remissione della malattia. Purtroppo non esistono esami che consentano di escludere con certezza un’artrite reumatoide iniziale; per questo motivo è indispensabile un’accurata visita reumatologica per accertare la diagnosi. I sintomi che devono indurre il paziente a rivolgersi al medico di famiglia per una successiva visita reumatologica sono sostanzialmente due: dolore soprattutto notturno alle articolazioni delle mani o dei piedi; rigidità articolare al mattino, al risveglio, che si protrae per più di mezz’ora e che impedisce di svolgere le normali attività, come lavarsi, alzare le tapparelle o vestirsi.

dolore alla schiena e alle gambe

Recarsi dal medico per effettuare un accertamento. La diagnosi comprende: Palpazione: spesso il fegato ingrassato è francamente gonfio e percepibile. Ecografia: il cambio di composizione cellulare degli epatociti è molto visibile, ma dev'essere di notevole entità. Analisi del sangue: oltre a rilevare eventuali cause di steatosi (ad esempio l'iperglicemia), identifica la presenza di enzimi epatici riversati nel torrente dopo la rottura degli epatociti infiammati (soprattutto le transaminasi e la fosfatasi alcalina). Biopsia: è un'analisi molto invasiva e normalmente non fa parte del percorso diagnostico per la steatosi epatica. Se la diagnosi è positiva, arrestare il processo steatosico e prevenire l'evoluzione in steatoepatite (e, nella peggiore delle ipotesi, in cirrosi). Escludere le bevande alcoliche. In caso di sovrappeso (soprattutto nella zona viscerale), dimagrire. Curare eventuali patologie metaboliche come: Sindrome metabolica. Insulinoresistenza, iperglicemia e diabete mellito tipo 2. Ipertrigliceridemia. Ipercolesterolemia. Rispettare una dieta adeguata (vedi sotto); in particolare è necessario tenere sotto controllo: Quantità di calorie. Livelli di vitamine. Ripartizione dei nutrienti energetici. Ripartizione dei pasti. Se il soggetto vive in condizioni da 3° o 4° mondo, curare il Kwashiorkor. Prevenire o curare l'anemia grave. Limitare l'assunzione di molecole tossiche, farmaci, molecole farmacologicamente attive, contaminanti e inquinanti. Se presenti, curare gli squilibri ormonali di: cortisolo, ACTH, T3, T4 e catecolamine.

Trascurare i sintomi di una possibile steatosi epatica. Non eseguire gli approfondimenti diagnostici specifici. Consumare molti alcolici. Ingrassare o rimanere in sovrappeso. Adottare uno stile di vita sedentario e senza attività motoria. Trascurare eventuali patologie metaboliche: sindrome metabolica, insulinoresistenza, iperglicemia e diabete mellito tipo 2, ipertrigliceridemia e ipercolesterolemia. Seguire una dieta scorretta e sbilanciata. Se il soggetto vive in condizioni da 3° o 4° mondo, non prendere in considerazione la sindrome da malnutrizione chiamata Kwashiorkior. Trascurare l'anemia grave. Esporsi eccessivamente o incrementare l'assunzione di: Farmaci: cortisone, tetracicline, steroidi anabolizzanti. Nervini: caffeina, teofillina ecc. Certi additivi alimentari. Contaminanti e inquinanti: ad esempio il tetracloruro di carbonio. Ignorare gli squilibri ormonali.

La dieta per il fegato grasso può essere leggermente diversa a seconda dello stato nutrizionale del soggetto:

In caso di obesità o sovrappeso con evidente deposito viscerale, la dieta dovrà essere ipocalorica dimagrante. Si consiglia una riduzione delle calorie totali pari al -30%. La ripartizione dei nutrienti è simile a quella tradizionale della dieta mediterranea, con maggior importanza dei carboidrati complessi rispetto a quelli semplici e dei grassi insaturi (soprattutto polinsaturi) rispetto ai saturi. La ripartizione dei pasti è abbastanza tradizionale: colazione 15% delle calorie totali, 2 spuntini al 5%, pranzo al 40% e cena al 35%. E' possibile enfatizzare gli spuntini per diminuire l'apporto calorico del pranzo e della cena. Poiché la steatosi epatica peggiora all'aumentare dell'indice e del carico glicemico, le fonti di carboidrati dovranno essere: A basso indice glicemico: ortaggi, frutta poco o mediamente dolce, leguminose e cereali integrali. In porzioni moderate: si consiglia di non oltrepassare i 150g di frutta per volta e i 60-70g di cereali per i primi piatti, legumi o di pane per volta. Alimenti ricchi di fibre: soprattutto quelle solubili che sono i grado di modulare l'assorbimento intestinale. Alimenti ricchi di grassi buoni: esercitano un effetto positivo sulla lipemia e migliorano la condizione metabolica; in particolare: Omega 3: sono l'acido eicosapentaenoico (EPA), docosaesaenoico (DHA) e alfa linolenico (ALA). Esercitano un ruolo protettivo verso tutte le malattie del ricambio e hanno un ruolo antinfiammatorio. I primi due sono biologicamente molto attivi e sono contenuti soprattutto in: sarda, sgombro, palamita, alaccia, aringa, alletterato, ventresca di tonno, aguglia, alghe, krill ecc.. Il terzo, invece, è meno attivo ma costituisce un precursore di EPA; è contenuto principalmente nella frazione grassa di certi alimenti di origine vegetale o negli oli di: soia, semi di lino, semi di kiwi, semi di uva ecc. Alimenti ricchi di antiossidanti: Vitaminici: le vitamine antiossidanti sono i carotenoidi (provitamina A), la vitamina C e la vitamina E. Hanno un effetto benefico su tutti i parametri metabolici, poiché ostacolano lo stress ossidativo. I carotenoidi sono contenuti negli ortaggi e nei frutti rossi o arancioni (albicocche, peperone, melone, pesche, carote, zucca, pomodori ecc); sono presenti anche nei crostacei e nel latte. La vitamina C è tipica della frutta acidula e di alcune verdure (limoni, arance, mandarini, pompelmi, kiwi, peperoni, prezzemolo, cicoria, lattuga, pomodori, cavoli ecc). La vitamina E è reperibile nella porzione lipidica di molti semi e relativi oli (germe di grano, germe di mais, sesamo ecc). Minerali: zinco e selenio. Il primo è contenuto soprattutto in: fegato, carne, latte e derivati, alcuni molluschi bivalvi (soprattutto ostriche). Il secondo è contenuto soprattutto in: carne, prodotti della pesca, tuorlo d'uovo, latte e derivati, alimenti arricchiti (patate ecc). Polifenolici: fenoli semplici, flavonoidi, tannini. Alcuni rientrano nel gruppo dei fitosteroli (isoflavoni). Si comportano più o meno come le vitamine. Abbassano lo stress ossidativo e ottimizzano il metabolismo delle lipoproteine; sembrano correlarsi a una riduzione del colesterolo totale e LDL. Sono ricchissimi di polifenoli: ortaggi (cipolla, aglio, agrumi, ciliegie ecc), frutta e relativi semi (melograno, uva, frutti di bosco ecc), vino, semi oleosi, caffè, tè, cacao, leguminose e cereali integrali ecc. Alimenti ricchi di sostanze depurative e ricostituenti per il fegato: sono prevalentemente la cinarina e la silimarina contenute nel carciofo e nel cardo mariano. In caso di malnutrizione proteica (terzo e quarto mondo, anoressia nervosa, alcolismo grave ecc), migliorare il valore biologico delle proteine e garantirne l'apporto minimo giornaliero. In caso di malnutrizione vitaminica generalizzata (terzo e quarto mondo, anoressia nervosa, alcolismo grave ecc), aumentare SOPRATTUTTO l'apporto di vitamina B12 (contenuta esclusivamente nei cibi di origine animale), biotina (come la precedente) ed acido pantotenico (soprattutto nei legumi e nel fegato). In caso di anemia grave, aumentare l'apporto di: Ferro eme: contenuto soprattutto nella carne, nelle frattaglie e nei prodotti della pesca. Cobalamina: la vit B12 è tipica degli alimenti di origine animale. Acido folico: è caratteristico dei cibi di origine vegetale crudi (lattuga, mele, arance ecc).

Cosa NON Mangiare.

Cibi ipercalorici e abbuffate. Evitare soprattutto cibi spazzatura, fast food, alimenti di pasticceria ecc Alcolici. Alimenti e bevande ricchi di nervini: caffeina, teofillina, teobromina. Sono contenuti nel caffè, nella cola, negli energy drink, nei tonici come il guaranà ecc. Alimenti e bevande ricchi di glucidi, soprattutto raffinati e/o semplici, ad alto indice glicemico e in quantità rilevanti. Bibite zuccherate, dessert, snack dolci, farine raffinate ecc. Cibi ricchi di grassi saturi o idrogenati e di colesterolo: formaggi grassi, snack dolci e salati, margarine, hamburger, wurstel, tagli di carne grassa (pancetta, coppone ecc), insaccati (salsiccia, salame ecc), salumi (lardo, pancetta arrotolata) ecc. Alimenti ricchi di additivi: prevalentemente quelli confezionati.

Cure e Rimedi Naturali.

Per il fegato grasso sono utili certi integratori e rimedi di erboristeria:

Molto spesso la cura farmacologica del fegato grasso è costituita dai rimedi finalizzati alla remissione delle malattie primarie:

stanchezza e dolori articolari diffusion.

come curare le artrosilene

Tra le nuove cure c’è ll gel piastrinico che è composto da frammenti di cellule che quando si attivano rilasciano dei fattori di crescita capaci di stimolare la crescita delle cellule di origine mesenchimale (tessuto connettivo dell'embrione).

Terapie alternative.

Tra le terapie alternative compaiono l'agopuntura e l’applicazione di prodotti di erboristeria. L'agopuntura utilizza aghi sottili per stimolare alcuni punti specifici del corpo per alleviare il dolore o addormentare la parte dolorante. Da alcune ricerche emerge che questo rimedio può aiutare ad alleviare il dolore da artrosi, anche se sono pochi gli studi scientifici a supporto. Importante assicurarsi che l'agopuntore sia certificato.

Tra le cure termali, i fanghi possono essere molto utili in caso di artrosi al ginocchio perché riducono l'infiammazione e il gonfiore.

Dieta e alimentazione.

mal di schiena basso e gamberetti menu

Buenos días Ruddy, es preciso que le vea su traumatólogo para poder determinar qué le está produciendo el dolor. La rodilla es una articulación muy compleja en la que pueden suceder diversas lesiones diferentes y todas hay que tratarlas a tiempo para evitar degeneraciones mayores.

Un saludo cordial.

Reyes Rodrigo. Naturopata.

disculpe pero siento un dolor en la articulacion de la rodilla al momento d caminar y hacer ejercicios debes en cuando se presenta este dolor yo practico futbol por lo menos cinco dias ala semana.

Buenos días Patricia, la artrosis no es posible que se haya producido a consecuencia del latigado cervical. Debido a su corta edad, lo más normal es que usted tenga algún componente hereditario; es decir que la haya heredado de algún familiar. Lo que es importante es que comience a tratarla adecuadamente y eso es con una correcta alimentación y ejercicios adecuados, los cuales se los debe poner un traumatólogo. En cuanto a la alimentación, en este enlace podrá descargarse si lo desea 19 páginas PDF sobre nutrición y recomendaciones generales para la artrosis.

Un saludo cordial.

Reyes Rodrigo. Naturopata.

Hola, tengo 28 años, hace tres que soy vegetariana, y hace tres meses sufrí latigazo cervical por accidente de tráfico y a consecuencia del mismo, me hice resonancia magnética en la que mi traumatologo me dijo hace cinco días que tengo principio de artrosis cervical. Siempre he hecho deporte, siempre me he cuidado y soy bastante activa en mi día a día. Ahora de repente,debo reeducarme y aprender a parar. Me pregunto si la artrosis puede venir derivada perfectamente a causa del accidente y como puedo averiguarlo. Y desde ya que debo comer y hacer a parte de estiramientos y tal…a mi corta edad.gracias.

In gioventù è molto più probabile che l’osteoartrite insorga negli uomini anziché nelle donne, mentre dopo i 45 anni l’insorgenza nelle donne è 10 volte maggiore. Superati i 65 anni praticamente tutti mostrano segni di deterioramento delle cartilagini, soprattutto nelle articolazioni che portano peso, come le anche, la spina dorsale e le ginocchia. Tuttavia, solo un terzo circa delle persone presentano veri e propri sintomi artritici. Questo è un chiaro indizio del fatto che nell’osteoartrite sono in gioco più fattori che poco hanno a che fare con la quantità di cartilagine presente nelle articolazioni. Anche se non si sa esattamente quali siano tali fattori, si può spiegare perché certi rimedi naturali riescano ad alleviare i sintomi della patologia.

Ma quali sono le forme più comuni dell’artrite.

Borsite: rigonfiamento doloroso delle borse, piccole sacche ubicate nel tessuto connettivo, di solito vicino alle articolazioni. Tali sacche sono piene di liquido sinoviale, il quale riduce l’attrito tra i tendini e le ossa o i legamenti: spesso la borsite è il risultato di stress o pressioni prolungati, a causa dei quali le borse si infiammano o si gonfiano. Una volta infiammate, le sacche gonfie premono contro un’articolazione vicina, causando dolore; Tendinite: rigonfiamento doloroso di un tendine, cioè del tessuto fibroso che unisce il muscolo all’osso. Di solito, tale infiammazione è causata da sforzi eccessivi nello sport o in altre attività fisiche. La tendinite insorge comunemente nei tendini del ginocchio, del gomito e della cuffia dei rotatori, la quale stabilizza la spalla. Anche il tendine di Achille, ubicato nella parte posteriore della caviglia, ne è spesso affetto; Sindrome del tunnel carpale: patologia risultante da una pressione eccessiva o ripetitiva sul nervo mediano ubicato nella mano. Il nervo mediano, che controlla alcuni muscoli della mano e delle dita, passa attraverso una piccola apertura situata sotto il polso, chiamata tunnel carpale. Il movimento ripetitivo del polso e delle dita crea irritazione e rigonfiamento, che a loro volta fanno sì che il tessuto del tunnel carpale cominci a premere sul nervo mediano. Sintomi comuni sono formicolio, indolenzimento e dolore. Il movimento ripetitivo del dito che batte incessantemente i tasti di un computer può causare la sindrome del tunnel carpale; Fibromialgia: disturbo caratterizzato da dolore al muscolo e all’articolazione, senza alcuna infiammazione, che persiste senza apparente ragione. La causa di tale patologia, che colpisce 10 milioni di americani ed è strettamente connessa alla sindrome da fatica cronica, non è ancora nota.

L‘artrosi della colonna e l’ernia del disco.

L’artrosi della colonna (spondiloartrosi) colpisce tutti con l’avanzare dell’età, ma la sua gravità e la rapidità di progressione è molto variabile. Questa si presenta in due varietà: può localizzarsi ai dischi intervertebrali e ai corpi vertebrali adiacenti, oppure può interessare le articolazioni interapofisarie. La prima forma è la più comune. Con l’età i dischi vertebrali vanno incontro a disidratazione, mentre varia la loro composizione; il nucleo del disco può fuoriuscire dall’anello fibroso che lo contiene provocando un’ernia discale; oppure il disco, degenerando, può assottigliarsi, le vertebre vicine risultano così ravvicinate e sul contorno del corpo vertebrale si formano speroni ossei. Gli osteofiti, che sporgendo, possono provocare l’unione ossea di vertebre contigue. I dischi più soggetti alla formazione di ernie sono quelli tra la quarta e la quinta vertebra lombare, o tra quinta lombare e prima sacrale, questo avviene per lo più tra i 30 e i 45 anni, raramente in età più avanzata quando il disco, compreso il nucleo, diventa fibroso, in questo caso il problema maggiore diventa l’assottigliamento. La discopatia degenerativa si verifica in generale maggiormente a livello cervicale e lombare, sede di movimenti più ampi. Compare dolore locale al movimento della colonna che peggiora con attività faticose come il sollevamento di pesi. La condizione peggiora quando le ernie o gli osteofiti restringono i forami intervertebrali in cui passano le radici dei nervi spinali. La loro compressione e irritazione causa dolore e parestesie (alterazione della sensibilità). Il dolore al collo si irradia alla spalla e all’arto superiore è causato da un problema alle cervicali, il dolore al nervo sciatico da ernie o osteofiti a livello lombare.

Artrosi cervicale.

crampi nelle gambe

Mentre i mezzi di difesa dell'organismo si ricostituivano a poco a poco, non poteva darsi che l'organismo accettasse l'organo trapiantato?

Fu effettuata una prova su un caso disperato ed ebbe successo.

Poi con gli anni vennero perfezionate altre tecniche.

Perfino i medici dei tempi antichi riconoscevano nell'urina un importante elemento diagnostico. Il colore, la brillantezza, il sedimento erano dati su cui basavano le loro diagnosi.

I calcoli renali si manifestano quando i sali minerali, l'acido urico e altre sostanze cominciano a cristallizzare, formando masse di varie dimensioni: dalla renella, formata da granelli piccoli come capocchie di spillo, a formazioni grandi come una palla di tennis. I calcoli piccoli (cristalli o micro calcoli) passano spesso inavvertiti attraverso gli ureteri, ma quelli di maggiori dimensioni arrivano talvolta ad ostruire i tubi, respingendo le scorie fino al rene e causando dolori atroci.

TIPI DI CALCOLI RENALI.

Ossalato di calcio e fosfato di calcio (30%)

Fosfato di calcio (10%)